4-esclusioni-target-pubblico-google-ads-idee-remarketing-avanzato

Uno degli aspetti fondamentali di quando si fanno le campagne in Google Ads è escludere le persone NON in target, tramite le esclusioni di pubblico!

Utilizzare queste esclusioni di pubblici Google Ads ti darà tre tipi di vantaggi competitivi fondamentali:

  1. Costo acquisizione più basso;
  2. Maggiori conversioni;
  3. Contatti più in target.

Se hai una campagna Google Ads probabilmente hai già dei pubblici esclusi che normalmente usi, in questo articolo voglio darti qualche spunto aggiuntivo, non voglio parlarti dei solito pubblici che normalmente escludiamo.

Ottieni un consulenza da un Consulente Google Ads (AdWords)

Vediamo in che cosa consistono le 4 esclusioni di pubblico Google Ads che devi assolutamente provare nelle tue campagne:

Esclusione dei Visitatori della domenica

Il titolo “visitatori della domenica” è volutamente provocatorio, non si riferisce davvero a chi visita il tuo sito nel giorno della domenica.

Si riferisce ai visitatori che in determinati giorni dell’anno visitano il tuo sito, magari fanno anche un acquisto ma non sono di certo più interessati ad acquistare da te nient’altro.

Un esempio classico lo abbiamo con il black friday, che non è affatto eccezionale per il re-marketing del tuo e-commerce. Si rischia di spendere tanto budget su clienti interessati solo all’occasione e agli sconti.

Lo stesso vale per aziende che non abbassano il budget o addirittura sospendono le campagne nel week-end quando la loro strategia è interamente B2B. Pazzia!

Ci sono vari giorni dell’anno in cui è meglio rimanere con il cervello accesso ed evitare di buttare budget su pubblici fuori target.

Pubblico delle App, il peggio del peggio.

Ho rilevato diversi account che dispongono di un’app corrispondente da associare al loro sito Web. Ciò che mi sorprende è che molti di questi account non hanno mai impostato Google Analytics sulle loro App.

 Questo alla fine mi porta a dire al cliente che molto probabilmente stiamo ancora mostrando i nostri annunci di remarketing agli utenti che sono già clienti o hanno già scaricato l’app.

Questo è inaccettabile perché vuol dire che stiamo letteralmente buttando soldi!

Ovviamente anche qui dobbiamo usare la testa e non possiamo escludere tutti a prescindere!

Ricerche sul sito, i curiosi.

Presumo già che tu abbia impostato la ricerca del sito in Google Analytics, questa funzione consente agli esperti di marketing di sapere quali termini di ricerca stanno digitando gli utenti sulla funzionalità di ricerca del tuo sito. 

Ottenere informazioni su ciò che le persone stanno cercando quando stanno esaminando il tuo sito Web può essere estremamente utile per scoprire le intenzioni dei clienti in modo più dettagliato. 

Non solo otteniamo i dati nel rapporto di ricerca del sito di Google Analytics, ma possiamo anche creare segmenti di pubblico di Google Analytics dalle termini di ricerca del sito.

Possiamo ad esempio escludere il pubblico che ha cercato “password dimenticata” perché sono clienti con cui possiamo interagire in altri modi , anche molto meno costosi di Google Ads.

Pubblico per Azioni dell’evento

Google Tag Manager è un bellissimo strumento per aiutare a comprendere le intenzioni degli utenti perché possiamo impostare una varietà di tag per tenere traccia delle azioni dell’utente. 

Queste azioni dell’utente possono quindi essere registrate come eventi in Google Analytics. 

Con GTM e Analytics possiamo decidere quali eventi attivano un pubblico piuttosto che un’altro e possiamo poi rielaborarlo in base all’intento di ricerca vero e proprio. Creando un pubblico ed etichettandolo con un nome parlante, un nome che descriva l’intento di ricerca del cliente.

Utilizzare il nome parlante ci sarà molto utile quando poi all’interno di Google Ads dovremmo selezionare gli utenti per le nostre campagne PPC!

Esclusioni Pubblico Google Ads fondamentali?

Queste 4 esclusioni di pubblico da applicare alle tue campagne Google Ads vogliono essere uno stimolo per usare la testa e pensare a come gli utenti si muovono all’interno del tuo sito in base allo loro intenzioni.

Il mio consiglio è di sperimentare e farsi delle domande, domande che devono poi trovare conferma all’interno di Google Analytics per poter prendere decisioni sulla base di numeri.
A tal proposito, assicurati che i dati all’interno del tuo Google Analytics siano il più corretti e completi possibile.

Questi sono pubblici più avanzati rispetto ai soliti pubblici che si escludono, hai altri pubblici avanzati da condividere? Scrivilo nei commenti qui sotto!