WhatsLanding: Raccolta contatti WhatsApp

Avere una “WhatsLanding” o comunque una Landing Page in cui raccogliere contatti in modo ordinato è fondamentale sia per il nostro business sia per essere conformi al GDPR (legge sulla privacy).

A quali contatti proprietari possiamo condividere la nostra Landing Page dedicata alla gestione dei contatti WhatsApp?

Contatti presenti nel nostro CRM a cui inviare notifiche WhatsApp

Una pagina web di questo tipo ci permette di chiedere ai nostri contatti chi gradisce essere contattato anche su WhatsApp con notifiche push nel telefono.

Dando la possibilità ai contatti di evitare queste genere di notifiche indicando un diverso contatto da utilizzare, per esempio quello e-mail.

Quale altra genere di traffico posso inviare sulla Landing Page dedicata a WhatsApp?

Traffico sul sito web e social network

Possiamo mandare sulla nostra WhatsLanding tutto il traffico che deriva dal nostro sito web, dalle nostra campagne a pagamento o gratuite e da tutto quel traffico che arriva direttamente dai social network.

Possiamo addirittura sfruttare il materiale Cartaceo e le visite al Punto vendita di un negozio fisico.

Cosa farà per noi la landing page dedicata alla gestione contatti?

Sono 4 i benefici fondamentali che questa landing ti dà la possibilità di avere come armi per il tuo business online e offline:

  1. essere completamente in regola con il GDPR, perché salvi il consenso dei clienti nell’utilizzo del loro numero di telefono e della loro e-mail;
  2. puoi salvare le preferenze del cliente e fare una segmentazione intelligente dei tuoi contatti, così d mandare offerte e proposte mirate per ogni gruppo di utenti;
  3. guidare in modo efficace il salvataggio del nostro numero nel dispositivo del cliente, in modo tale da validare l’invito dei messaggi su WhatsApp;
  4. salvataggio del numero del cliente sul nostro dispositivo, magari per sfruttare le liste broadcast.

5 elementi fondamentali per comunicare su WhatsApp

Ci sono 5 punti fondamentali per comunicare con i nostri clienti o utenti all’interno di una piattaforma così personale come WhatsApp.

Vediamoli insieme:

  1. Tone of Voice: dobbiamo sempre rispettare le linee guida di comunicazione del nostro brand;
  2. Piano editoriale e ritmo d’invio: oltre ad over inviare cose interessanti nel momento giusto, dobbiamo anche ricordarci che i messaggi inviati non devono essere troppo pressanti;
  3. Invio segmentato e personalizzato: ogni messaggio deve avvicinarsi il più possibile alle preferenze raccolte in precedenza sull’utente;
  4. Automazioni: tutto quello che può essere automatizzato deve essere automatizzato, per evitare errori e perdite di tempo;
  5. Gestione Messaggi in Entrata: se non sei disposto a “spendere tempo” per rispondere in maniera uno a uno ai tuoi utenti allora non devi usare WhatsApp per il tuo marketing.

L’articolo ti è stato utile? Scrivi un commento o contattami per ricevere una landing page dedicata alla raccolta contatti e alla segmentazione avanzata.

Add a Comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.