Perché voglio raccontarti la mia esperienza in Radio RCB? Voglio farti capire come le cose belle che ho raccolto da questa esperienza mi hanno formato.

Indice:

La Radio FM storica di Castel Bolognese

Radio RCB è una storica radio presente a Castel Bolognese (Ravenna), nata nel 1978 come cooperativa sotto la guida di Emilio Giraldi.

Nella primavera 2011 la vita di Radio RCB è appesa ad un filo, c’è un buco da 60 mila Euro da risanare.

Gabriele Rambelli personaggio storico della radio, responsabile dei programmi, si è sempre battuto per non vendere la radio ai grandi network, tanto da farsi carico dei debiti come socio lavoratore.

Nel giugno 2011 l’emittente si salva: invece di passare a un network nazionale i lavoratori acquistano un ramo dell’azienda e si mettono al lavoro per la nuova programmazione.

Diffusione: Parte della Ragione Emilia-Romagna, copertura territoriale Bologna – Ravenna – Ferrara – Forli – Cesena – Rimini (la Romagna)

Frequenza: 101.3 – 91.0
Viene trasmessa musica italiana e straniera di diversi generi lasciando anche spazio ai notiziari.

Ad oggi la radio sopravvive, non senza difficoltà.
Perché ti sto raccontando tutto questo? Continua a leggere.

“Lavora con noi”, come ci siamo incontrati.

Ora arriviamo al punto. Cosa c’entro io con Radio RCB? La mia storia con questa azienda ha inizio con un annuncio di lavoro passato in radio.
L’annuncio radiofonico diceva: “Sei un giovane che ha voglia di lavorare per affermarsi nel mondo del lavoro?”

Ovviamente, neanche a dirlo, ho risposto all’annuncio! 
Ho mandato la classica mail di presentazione con allegato il mio scarso CV.

All’interno dello staff di RadioRCB ho iniziato come venditore, da zero.
Ho provato qualche tecnica che mi è stata suggerita e qualche tecnica imparata su qualche libro… in poche parole: UN DISASTRO!
C’è poco da dire non sono bravo a vendere, pensavo.

In realtà guardando con un occhio più attento si scopre che si, a vendere sono veramente scarso, ma il problema è che al giorno d’oggi non è più pensabile mandare un venditore a “raccogliere clienti” a freddo, cioè senza che siano mai entrati in contatto con l’azienda.

Se ti interessa scriverò un articolo sull’argomento “come acquisire clienti nuovi, senza mandare al macello il tuo venditore”
ma, tornando a noi…

Questa collaborazione durata qualche mese non ha dato i frutti sperati, non ero pronto per la vendita e i risultati arrivati erano scarsi rispetto all’impegno che ci mettevo.
Alla fine della fiera ho guadagnato poche centinaia di Euro, che mi hanno permesso però di comprare libri, acquisire nuovi clienti fino ad arrivare a comprare corsi.
Che tutt’ora compro regolarmente!

Come è nata la collaborazione per Facebook.

Dato l’insuccesso come venditore e data la mia passione per il marketing, ho deciso di propormi come “ragazzo di Facebook”. Cioè la persona che seguisse in modo più costante la pubblicazione di materiale sui canali Social.

Inconsapevolmente, perché ero all’inizio della mia esperienza come consulente di web marketing, avevo iniziato ad utilizzare la pagina Facebook della radio per promuovere il brand e cercare di aumentarne il valore percepito.

Questo per fare “branding” e fare in modo che fossero le stesse attività a contattare la Radio per pubblicizzarsi.
Creando così dei contatti “caldi” che permettono al venditore di giocarsela su qualcosa che non sia il prezzo perché quando arrivi a giocartela sul prezzo, hai fallito.

Purtroppo l’obiettivo non è stato raggiunto, per vari motivi che in quel momento della mia vita non conoscevo, MA che ora sono ben chiari nella testa.

Per motivi di riservatezza e di correttezza non posso divulgare informazioni aziendali riservate, posso solo dirti che sarebbe servito più tempo per fare in modo che la mia “bozza” di strategia di marketing desse almeno un frutto.

Purtroppo non è stato possibile, infatti…

Il direttore Giorgio Menna in streaming.

Con l’arrivo di Giorgio Menna nel 2018 in radio la politica di RCB cambia radicalmente, nel ridimensionamento dei costi e della struttura aziendale fa terminare anche la mia collaborazione.

Chi è Giorgio Menna?

Nel 2019 è entrato in Radio RCB un giornalista storico, popolare per il suo programma radiofonico “ENOGA’ – Sapori & Profumi alla Radio” che nasce nel 1997.
Un programma radiofonico celebre con una presenza importante nel panorama enogastronomico Italiano, avvalendosi di numerosi personaggi famosi ed autorevoli.
Dopo 1 anno di collaborazione mi è dispiaciuto molto abbandonare Radio RCB ma purtroppo era inevitabile.
La nuova politica di Giorgio Menna non era più in linea con molte delle attività che erano state precedentemente decise.

RCB la frequenza ed il significato del logo

La ristrutturazione di Giorgio Menna colpisce anche il significato del logo della radio, infatti il rebrand che trasforma “Radio Castel Bolognese” in “Radio Cose Belle”.

Frequenza della radio Fm 101.3 e 91.0.

Scelta che crea un grosso distacco con il passato, rivoluzionando anche se di poco tutto il passato della radio stessa.
Da un lato, un vero segno di svolta da parte della radio, dell’altro un grosso azzardo.
Secondo me una mossa coraggiosa che (se gestita bene) porterà di nuovo Radio RCB al suo vecchio splendore!

In diretta dalla nuova sede di Faenza

“Radio Castel Bolognese” ormai ha perso tutto della città dov’è nata, non solo il nome come abbiamo visto nel paragrafo precedente ma anche la sede!
Infatti già da vari anni la sede della radio si trova a Faenza, una città più “ghiotta” del punto di vista del business.

Prima si trovava all’interno del centro commerciale dei Cappuccini.

Dopo l’avvento di Giorgio Menna si trova, credo, perché abbiamo perso ogni contatto e on-line non sono più molto visibili: vicino alla stazione di Faenza.

“Vecchio Web Marketing”?

In questi anni i social-network come Facebook, i motori di ricerca come Google e gli stessi utenti che navigano su queste piattaforme: sono cambiati e si sono evoluti in una maniera rapida e ben definita.

I responsabili e soci di RCB si sono affidati ad un’agenzia con cui ho collaborato qualche mese anche io, quando ancora era molto inesperto.
Il mio modo di lavorare però è davvero differente rispetto all’agenzia in questione, infatti a mio modo di vedere è una di quelle web agency che sono legate al “vecchio web marketing”.

Cosa intendo con “vecchio web marketing”?  

Quando fai ancora attività di web marketing che facevi 2 anni fà, e di conseguenza fai attività che i professionisti del settore non fanno più perché ritenute non più efficaci. 

In questo caso non ti puoi meravigliare se i tuoi investimenti non hanno un ritorno economico.

Il settore del web marketing è in continua evoluzione, devi rimanere aggiornato in maniera costante, soprattutto se sei un professionista del settore!

Per farti un esempio: io attualmente dedico circa 2 ore al giorno alla formazione e all’aggiornamento con casi studio, video-corsi, libri, ecc.. è fondamentale!

 8 Errori Clamorosi della nuova presenza on-line

Nel paragrafo precedente abbiamo visto come sia importante aggiornarsi, studiare altri casi studio e tenersi aggiornati nel tempo.

Ora vediamo alcuni errori clamorosi della nuova presenza on-line di Radio RCB.
Ti chiederai: Perché ci parli di questi punti? 

Il motivo è molto semplice, se hai letto il paragrafo precedente avrai capito come, non essere aggiornati sull’argomento web marketing, influisce sul rendimento del lavoro.

Inoltre questi sono spunti fondamentali che non possono essere ignorati e che servono a tutti per capire come migliorare la propria strategia.

Spero infatti che questi errori, ora che tu stai leggendo questo articolo, siano già stati sistemati!

La prima serie di errori è legata al nuovo sito internet, sia per quanto riguarda l’usabilità, sia per quanto riguarda la SEO (l’ottimizzazione per i motori di ricerca).
(Analisi parziale fatta il 1 dicembre 2019)

Errore n.1: “Scheda MyBusiness Annullata”

Google mette a disposizione dell’azienda uno strumento potentissimo, la Scheda Google My Business che è una sorta di piccola vetrina all’interno di Google Maps e dentro i risultati di ricerca di Google, dove vengono inseriti i dati fondamentali della tua azienda.

Dati come gli orari, i numeri di telefono e le foto, se gestiti ed aggiornati correttamente sono fondamentali per dare a chi ci cerca i nostri contatti.

Errore n.2: “Velocità su GTMetrix G+G”

Uno dei principali valori con cui Google valuta il tuo sito web è appunto la Velocità, intesa  come tempo di caricamento di ogni pagina del tuo sito internet.

Per controllare questo valore ci sono sia gli strumenti di Google, sia altri strumenti online come gtmetrix.com – ed al momento il sito radiocosebelle.it controllato con questo tool risulta con il punteggio peggiore, doppia G

Se hai anche tu un sito internet controlla la velocità di caricamento, rischi che Google non ti faccia apparire per le ricerche che davvero possono essere utili al tuo business.

Errore n.3: “Abbandonare il dominio storico”

Un’altro elemento molto determinante per l’ottimizzazione di Google è la storicità di un dominio, cioè quando un dominio è attivo sul web.

Semplificando: Più un dominio è vecchio più agli occhi di Google ha autorità, autorità che se sfruttata correttamente si trasforma in maggior traffico sul sito internet.

Errore n.4: “HTTPS mancante”

Il protocollo HTTPS del sito internet, indica una versione sicura del sito internet.
Infatti l’HTTPS, indicato anche come SSL, è un protocollo per la comunicazione sicura attraverso una rete di computer utilizzato su Internet.

Proprio per questo Google ormai da anni ha reso questo protocollo quasi indispensabile per l’indicizzazione delle pagine del tuo sito internet.

La seconda serie di errori invece riguarda il messaggio da comunicare e l’usabilità del sito da parte degli utenti.

Errore n.5: “Musica molesta”

La prima cosa grave che si nota è che navigando all’interno del sito, il volume della radio è sempre alto (al 100%) e ad ogni aggiornamento di pagina viene resettato al 100%.

Questa funzione, che dovrebbe essere “il valore aggiunto del sito” è diventato il primo motivo di inutilizzo, rendendo la navigazione impossibile se non si disattivano le casse del computer.

Errore n.6: “Messaggio che viene trasmesso”

Spesso ci si focalizza sugli aspetti tecnici ma la parte fondamentale riguarda i contenuti che produci e condividi con il tuo pubblico.

Una radio deve produrre contenuti sia per il pubblico che li segue (branding) sia per le attività commerciali facendo in modo che, tramite gli strumenti che Facebook e Google mettono a disposizione, le due cose non si mischino!

Infatti non c’è cosa più grave che fornire un contenuto commerciale al tuo pubblico di ascoltatori, a cui non interessa comprare spot pubblicitari.

Errore n.7: “Riprova sociale”

Come nelle maggior parte delle attività: mancano totalmente, sia sul sito che su tutti i canali di comunicazione della Radio, tutti gli elementi di riprova sociale, come recensioni, video testimonianze, ecc..

Un grave errore quando vuoi avere autorità nei confronti delle persone che devono acquistare da te gli spot pubblicitari o che comunque devono collaborare con la tua radio.

Errore n.8: “Manca la sinergia tra online e offline”

Ultimo ma non ultimo! L’errore più grosso che un’attività come una Radio può fare: manca la sinergia tra online ed offline.

Non ci sono quindi interazioni che nascono offline e si concludono online, o viceversa: questi tracciamenti sono molto complessi da mettere in piedi, ma assolutamente importanti, soprattutto per una Radio.

Il mio cambio di frequenza.

La mia storia con Radio RCB è termina in modo brusco, ma è stata comunque molto formativa ed interessante! Sono contento di aver collaborato con Lia, Rita, Davide ed altre figure piene di esperienza che lavoravano all’interno della radio.

Da qui è nata la mia passione per il marketing e la mia sfida nel creare un brand che vende da solo. Ho poi proseguito a comprare nuovi corsi e fare altre esperienze lavorative, il tutto mi ha portato a quello che sono oggi: un vero professionista nel mondo del web marketing.

Vuoi scoprire il miglior modo di promuoverti?

Tramite Google e Facebook possiamo intercettare i tuoi clienti ideali ed avere un quadro della situazione completo in ogni singolo dettaglio: tracciando ogni visitatore, ogni clic e ogni scoll di pagina.

Per migliorare la strategia di marketing fino ad avere un flusso di clienti regolare e costante.

Fai pubblicità in radio, tv o giornali?

Scopri come puoi realmente tracciare chi viene a conoscenza del tuo brand tramite gli spot pubblicitari in radio o televisione, oppure sui giornali o riviste tramite articoli od inserzioni pubblicitarie.
Clicca qui sotto e scopri come tracciare questi canali pubblicitari.